SALUTE: ASP CATANIA FA IL PUNTO SU PIANO TUTELA LUOGHI LAVORO

(AGI) - Catania, 14 nov. - A un anno dall’entrata in vigore del Piano regionale straordinario per la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro 2010-2012, un convegno svoltosi oggi ad Acicastello per iniziativa dell’assessorato regionale alla Salute e dell’Asp di Catania ha offerto l’occasione per fare il punto. Il bilancio, secondo l’assessore Massimo Russo, che ha partecipato ai lavori, c’e’ un calo del 20% degli infortuni mortali sul lavoro. “Abbiamo investito idee, uomini e risorse -ha detto Russo- in una complessa azione di governo delle politiche per la sicurezza nei luoghi di lavoro. La Sicilia, all’inizio del mio mandato, condivideva con poche altre Regioni la maglia nera per il numero di incidenti e di morti sul lavoro. Abbiamo invertito il trend. Rispetto al 2010 le statistiche ci indicano un calo del 20% delle morti bianche. L’andamento per il 2011 conferma il dato positivo. Questo dimostra che e’ possibile intraprendere la sfida del cambiamento. Dimostra che e’ possibile cambiare non solo il sistema, ma anche tutto l’insieme di prassi che lo sostengono”. Il commissario straordinario dell’Asp Catania, Gaetano Sirna, ha sollecigtato un cambiamento “anche del modo di pensare la cultura del lavoro e della sua tutela. Il lavoro e’ vita. Perdere la vita nel posto di lavoro e’ una disfunzione del sistema ed una ingiustizia sociale non piu’ accettabile”. Sono intervenuti alla discussione, tra gli altri, Giansalvo Sciacchitano, presidente dell’Ordine dei medici di Catania; Carmelo Maria Grasso, presidente dell’Ordine Ingegneri di Catania; Salvatore Fiorito, consigliere dell’Ordine degli Architetti etnei; Nicolo’ Vitale, presidente del Collegio Periti Industriali di Catania, Claudio Calanna, consigliere del Collegio Geometri di Catania. (AGI) Rap/Mzu